Jump to content
MV News
  • Nuova grafica
  • Con l'ultimo aggiornamento abbiamo installato un tema che permette agli utenti di selezionare la palette di colori preferita. Basta cliccare sul pennello nella barra utente in alto e si potrà in piena autonomia cambiare il colore dell'header e delle barre del forum.



  • Member Statistics

    • Total Members
      2,682
    • Most Online
      609

    Newest Member
    DanFoschi
    Joined
    •   
    Chatbox
    Load More
    You don't have permission to chat.
  • Who's Online (See full list)

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      3.9k
    • Total Posts
      44k
  • Latest Registered Members

Moto: cosa ho posseduto finora.


Fadabii
 Share

Recommended Posts

Proviamo a vivere di ricordi e in questo spero nuovo argomento chi lo desidera può renderci partecipi delle moto che ha posseduto finora magari con qualche commento.  Xery possiamo?  Inizio io ma devo scriverle su un foglio di carta prima perché rischio di dimenticarmene qualcuna.  Oppure no dai scrivo qui e poi aggiungo se dimentico.

Pronti... via!

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Aspes Navajo 50 bianco, mi è rimasto nel cuore ❤️ che bel suono e che bel profumo di benzina.

Vespa 50 special bianca  che dire anche lei è un rimpianto.

Vespa 125 Primavera grigia, 95000 km mai andata dal meccanico.  Sono commosso al ricordo.

Innocenti Lui arancione piaggio ciao blu altro grande amore.

Lambretta 150, Suzuki Epicuro 150 grigio, Honda cb400n blu, fantastica, Kavasaki 600 rossa, Cagiva 125 bianca, vespa 250 gts, il motobrillo, Bmw r850r, la mukkina, bicicletta OMEGA a bacchette, bicicletta Learco Guerra, queste si che fanno strada tutti i giorni.

Spero di non essermi dimenticato nulla, a voi la parola, aspetto con ansia. 

Link to comment
Share on other sites

Piaggio si blu, avevo otto anni e mi ci regalato dal fratello di mia madre perché si era comprato una nsr, i miei erano contrari e terrorizzati, il ero al settimo cielo. Ero l'unico bambino delle elementari col motorino nel mio paese 😁

Gilera typhoon 50 nero con gli adesivi grigi. Ancora oggi lo cerco online per ricordarlo tanto mi è rimasto nel cuore!

Peugeot X-Fight 100, comprato solo perché non me lo rubassero visto che era l'unico che girava dalle mie parti, scooter nato male, aveva tanti difetti ed era scomodissimo in due

Malaguti Madison 180, stessa storia di sopra, però era comodo e aveva un vano sottosella enorme, purtroppo non adatto alla città

Aprilia Scarabeo 250, che mezzo!!! 80k di goduria su tutti i tipi di strade

Suzuki GS 500, consumava niente ma era troppo scomoda per la mia schiena

Piaggio X7 300, solito discorso del furto, ottimo motore ma scomodo in città

Vespa et4125, sogno adolescenziale realizzato a 40 anni

Vespa Granturismo 200 l, ottima

Vespa GTS 300 HPE Racing Sixstiees, la mia bambina 😍

 

Link to comment
Share on other sites

Da giovane Vespa special 50 4 marce del 79, che è rimasto 50 cc praticamente solo due mesi e poi è stata una escalation di elaborazioni (75, 90, 110 e per finire 130 doppia alimentazione). Poi è passata a mio fratello minore che è riuscito a demolirla in un incidente.

A 16 anni ho preso un Cagiva Elefant 125 con cui ho percorso quasi 40000 km in 5 anni senza alcun problema e con cui ho girato per mezza italia. Fino quando si è rotto il miscelatore e ho grippato di brutto il motore costringendomi a rottamarla.

Durante gli anni di università ho preso un enduro Cagiva Ala Rossa 350 usatissimo, un monocilindrico praticamente indistruttibile nonostante facessi i tagliandi non in base ai km percorsi ma in base ai pochi soldi che avevo in tasca. Un vero trattore, vibrava da farti cadere le otturazioni dei denti, aveva prestazioni ridicole per essere un 350 ma praticamente non si fermava mai, bastava mettergli la benzina e lui andava.

Ed ora Vespa 250 GTS del 2008, presa come regalo per i miei 50 anni e per tornare in sella dopo 20 anni di pausa motociclistica.

Ma sto pensando seriamente di cambiarla con un ruote alte, moto o scooter che sia. Le rotelline della Vespa cominciano a diventare incompatibili con la mia schiena di quasi sessantenne.

Link to comment
Share on other sites

Bravissimi che bello le storie delle vostre moto.  Sono andato nell'orto da miciamicia e non ho raccontato la storia delle mie moto ma appena posso vi racconto.  Che poi è un pò la storia della vita.   Si si con molto piacere.  Ora visita urologo che mi farà il cazziatone come al solito perché prostata moto e bicicletta non vanno d'accordo.  C'aggia dì c'aggia fà.   Comunque in ospedale ci andrò in bicicletta ma dirò che sono in macchina.  Treeeek.

  • Haha 2
Link to comment
Share on other sites

Io da ragazzino ero già appassionato di auto e di Rally quindi la moto dei 16 anni non me ne fregava meno di 0,ho avuto un ciao rosso metallizzato  con variatore con il mio primo stipendo da fabbro a 15 anni e un anno dopo presi un Malaguti Crosser sempre rosso che numeri facevo in campagna era robustissimo lo tenuto ancora per dieci anni poi un ragazzino in Friuli si era bruciato seriamente per un difetto di fabbrica al tappo serbatoio e il Ministero dei trasporti ha fatto demolire un bel po' di questi scooter,non si poteva più circolare nonostante il tappo cambiato a norma peccato...adesso mi godo la mia Primavera caffettina.

Link to comment
Share on other sites

Moderator

Be diciamo che potrei parlare più di auto che di scooter o moto, non essendo in realtà mai stato un grande appassionato, per carità da ragazzino, come tutti per ottenere la mia indipendenza comincia a rompere ai miei per il motorino 50, anche se prima di poterlo avere ho rubato un motobecane a due marce al fratellone, di colore grigio, ma molto simile a questo che posto.
image.png.e2912f9fe296e883b9d8d3d772b5039c.png

Il mio primo scooter comunque fu un Peugeot 103 sp di colore rosso, identico a questo
04918385dc47ebe014e0fbceecee64ee.jpg
Mi permise veramente di essere libero, ottenni infatti il permesso dei miei di andare a pesca, con un altro matto, della scuola, lui aveva un califfone, esteticamente originali, ma i motori erano belli pimpanti, svegliarsi alle 4 di mattina per andare a pesca, in pieno inverno con pioggia, era per noi un modo di evadere, sentirsi grandi, è da qui che scoprii che mi piaceva viaggiare, ovviamente nel limite dei 100 km, un cinquanta all'epoca, soprattutto se elaborato, non era per nulla affidabile.
Il secondo mezzo fu una vespa, mai capito se r o altro, visto che era stata pesantemente elaborata in special, di colore grigio metallizzato, con un bel 75 non andò mai benissimo, anzi a dirla tutta mi ripromisi di non prendere mai più una vespa, per le troppe problematiche che mi diede, il cambio, però mi ci sono divertito, curve a toccare le pedante, con il rischio di scivolare, arrivai così ai miei 18 anni, la vespa venne data via a favore di una macchina, mamma costrinse mio padre a prendermi l'auto, arrivò quindi una a112 e, non presi più un due ruote fino al 1999, ma il primo lavoro mi portò, mi costrinse, a riprendere un due ruote, era lontano da casa e, l'alternativa era solo il treno, dopo aver preso autobus e metro, per circa due ore di viaggio tra andate e ritorno, mentre con lo scooter me la cavavo in 45 minuti massimo un'ora, non avendo una lira, decisi quindi di cercare il mezzo meno richiesto dai ladri, e ovviamente meno costoso, presi quindi un Sym super duke, quando la sym nessuno la conosceva, anche se era ancora sotto l'orbita della Honda, quindi i mezzi erano copie più o meno rifinite dei modelli honda.
image.png.f5fede8de9c7dffbfe8d187fccda5763.png
Questo infatti era una specie di Honda Bali, portato a 125, molto comodo, molto lento, ma faceva il suo sporco lavoro ed era pure euro 1, cosa rara per l'epoca, ancora ce l'ho, ma ormai è fermo da almeno 15 anni, lo prestai al fratello, che l'uso per 4 o 5 anni prima di fermarlo, era fragile sul variatore, probabilmente poco adatto alla cilindrata, inoltre con i fondi bagnati non era raro perderne il controllo in curva per via di gomme molto piccole
Gli affiancai successivamente, credo nel 2000, forse 2001, uno scarabeo 250 gt di colore rosso, come quello in foto escluso ovviamente il colore
image.png.5a85b24ba327b21c85e4170cb5393f9f.png
Un'altra passione mi passò accanto, facendomi spendere bei soldini, in meno di 2 anni spesi circa 25.000 euro in 3 mezzi, che usavo per fare fuoristrada, il quad, che io però usavo anche in città, dove si usuravano molto in fretta, più che ad usarli in off road.
Presi un Kxr 250, un can am Bombardiere e, un suzuki vinson 500, tutti ottimi mezzi, ma così per molti anni, dal 2000 al 2008, non usai più due ruote, affiancando e, poi sostituendo i quad con il suzuki jimny, ormai mi piaceva fare fuoristrada, ma aimè, le leggi sempre più stro... il fatto che ero andato a convivere mi fecero tornare a prendere una micra e, finalmente affiancarle la mia lml, era il 2008, il quad era sempre in garage ma ormai fermo, il jminy era andato via e, io giravo in micra, una sera, mentre passeggiavo per la tiburtina, trovai questo negozio, in vetrina lei, il cartello diceva sono tornata ma ora sono indiana, fu una folgorazione, cercavo da tempo il px, ma nuovo era ormai dal 2007 che non lo facevano più, fondi di magazzino introvabili, la presi, a parte qualche piccola pecca di gioventù è ancora con me, con poco meno di 200.000 km.
Quindi nel 2010 per il raduno internazionale, decisi di dare via il quad, che mi ero tenuto anche se fermo da tempo, a favore di un'altra vespa il Px 200. In foto a sinistra il Px e a destra la lml
Nessuna descrizione della foto disponibile.
Fu questo un periodo di acquisti compulsivi, dopo il raduno di Fatima, dove arrivai con il px presi:
Motoguzzi ex polizia t5 850
Motoguzzi Griso 1100, my special. - Off Topics - Modernvespa.it
La Gts 250
Nessuna descrizione della foto disponibile.
L'honda cn 250
http://imageshack.us/a/img89/3792/immagine038zl.jpg
Al che cominciai obbiettivamente ad avere problemi di spazio, non sapevo più dove parcheggiare tutti questi scooter, inoltre nel 2011 persi il lavoro e, mantenerli diventò complesso, iniziai quindi pian piano a vendere tutto, mi tenni solo la lml e il px che comunque migrò in Toscana e, dove se la sta godendo il fratellone, mentre la 250 la distrussi su una buca mentre consegnavo le pizze.
Nel 2016, presi una nuova Gts 300 che affogai su di una strada allagata di Roma, dopo 4 mesi dall'acquisto, nel 2019 presi la mia prima Gts hpe, che però fusi per i problemi che tutti conosciamo relativi al consumo eccessivo di olio, motore nuovo in garanzia, ma preferì cambiare a favore del Beverly 300, che mi diede problemi alla pompa dei freni e, quindi ora ho il tricity, non metto le foto visto che li ho postati più volte nel forum.
Oggi quindi ho una lml bianca, un px 200, il tricity
Questa la mia storia, un po' incasinata, ma che ci devo fare?
 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

periodo 12/13 anni garelli vip 2  e piaggio Boxer ormai non più usati da mio nonno e utilizzati in paese/campagne circostanti all'occorrenza si trasformavano in trial e cross...

a 14 anni il Si della Piaggio... I tuboni costavano troppo, elaborato con tutto quello che c'era ma venduto dopo un annetto per un Rizzato Califfone. Dovevo tenere il passo dei miei amici...  Più vespa Pk125 usata di straforo.

A 16 honda Nsr 125. Anche qui, sognavo l'Aprilia e la Cagiva ma Honda costava meno... + Vespa PK ora con patente, demolita e riverniciata 3/4 volte causa condotta di guida da deficiente.

Periodo 17/26 un avvicendarsi di scooter e ciclomotori da strada e pista dove l'unica differenza era la targa, quali Piaggio Zip fast Rider, Piaggio Quartz, Piaggio Si (due), Piaggio Ciao, Peugeot Rapido, Piaggio Boxer, Fantic Motor trial 50.

dal 1999 Ducati 996 in coesistenza Gilera Dna e Vespa ET4 150 

dal 2007 Ducati1098 in coesistenza Gilera ICE

dal 2011 Ducati 1198 dal 2014 in coesistenza con Vespa Et2 e dal 2020 anche Vespa Gts.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Grande idea,quella delle 2 ruote possedute!Ora tocca a me:ho imparato a 12 anni a girare su due ruote col Vespone di mio padre,Vespa TS 125,poi mi hanno regalato un MotoMorini 125 dell'81,e nel frattempo ho acquistato un Px 125 ,smontato,fatto riverniciare e rimontato,color argento,poi ho restaurato alla perfezione un Lambrettino 50 DeLuxe,meglio della fabbrica e appena finito ho acquistato una Lambretta LI 2 serie del 63',che rifatta in tutto meno che di carrozzeria ci ho girato parecchio,poi ho acquistato una Vespa GT 125 del 68' e di li' a poco ho venduto le 2 Lambrette e ho acquistato una,Lambretta DL 125 del 71' color turchese,a quel tempo,i primi anni 90' frequentavo gli Smart Drivers di Rimini,famoso gruppo Mod dello scenario Italiano ed Europeo.Nel 2000 ho iniziato con le moto oltre Vespe e Lambrette in garage:Triump Bonneville 100 anniversario 790 cc.,poi Bonneville Black 860cc.,poi Triumph Sprint ST 1050 3 cilindri ,nel frattempo ho venduto Vespe e Lambrette e mi sono comprato un P200e con miscelatore color tabacco(fantastica),finche' non ho visto la morte e allora vivo per buona sorte l'ho venduta.Ho venduto anche il Tiumph 1050 e ho ricomprato una Bonneville color argento 860cc.,poi mi sono innamorato del Guzzi Stelvio 1151 rosso corsa e l' ho tenuta per 13 anni, fino a qualche mese fa' per poi comprare il Vespone GTS 300 hpe 2023.

Link to comment
Share on other sites

Che belle storie, che bello leggerle.   Eccomi qua nel lettuccio a parlare di orsono più di 50 anni fa.

Aspes, chi se lo ricorda? il mio era bianco con la coda dritta e i due gusci stampati dentro.. Ma non era proprio mio e non so bene di chi fosse.  Lo usavamo in tre ed era depositato aperto nel salone biciclette dove c'era di tutto: biciclette, carrozzine dei bambini, mobili, carriole, attrezzi  tutto senza chiavi o lucchetti.  Fallo ora se sei capace. Bene, io usavo l"aspes perché facevo la minima manutenzione e mettevo benzina e ci andavamo a scuola anche in tre sopra.  Faceva un baccano bestia per via della marmitta a espansione e fumava come una ciminiera perché la miscela la facevamo a occhio con l'olio del motore delle auto, quello che si trovava in giro.  Non andava un tubo e smontavamo la candela 10 volte al giorno per farlo partire.  Era ricoverato nel salone assieme al ciao blu e al lui arancione.   A domani, buonanotte.

Link to comment
Share on other sites

Buongiorno a tutti!

Che bella idea questa discussione.

Dunque, a partire dal 1985 quindi dai miei 14 anni:

Vespa 50 N del 67 (povera come la fame, ma indimenticabile)

Vespa 50 R del 73 (già meglio)

Malaguti Fifty Full CX (una volta elaborato si sbiellava con una facilità disarmante)

Piaggio Ciao Teen Rosso/Bianco (più chilometri percorsi su una ruota che su due)

Pausa dai 18 ai 33 anni per "carriera agonistica" in Mountain Bike.

Nel 2004 ricomincio con

Ducati Monster Dark 620 iniezione (per farmi le ossa)

Ducati 749S (quando la presi non piaceva a nessuno, soprattutto ai ducatisti più incalliti...secondo me è splendida ancora oggi)

Ducati Monster S4Rs (la paura fatta moto)

Finita l'epoca "da sparo" siamo ormai attorno al 2011, moto venduta, nel frattempo mi sono sposato e ho avuto 2 figli...la famigerata "crisi" di quegli anni mi lascia poco nelle tasche da dedicare alle passioni/capricci quindi adeguo il mezzo alle possibilità/necessità e ricomincio con 

Vespa ET4 125 (una roccia)

Vespa GTS 300 HPE (attualmente in uso)

Sul lavoro mi regalano una Vespa 50 V senza libretto che devo re immatricolare

Vespa Primavera 50 per mia moglie.

Fra poco i miei figli avranno 14 anni, staremo a vedere se succede qualcosa ma al momento a nessuno dei due sembra interessare granché del "motorino". 

I tempi cambiano, ma non scambierei mai i miei 14 anni con i loro (premesso che non hanno nessuna colpa!)

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

ok, svelo il passato ed il presente di aspirante motociclista: 
Benelli Cross 5V  nel 1972 , Vespa 150 Sprint Veloce e KTM GS 250 nel '75, 
pausa poi Honda XL 500 ,  pausa poi Aprilia RS 250  e BMW GS 1100 nel '97 (tutte e 3 usate);   
2 Beta e 1 Gasgas da Trial spalmate tra il 1992 ed 2010, anno in cui ho smesso di andare in moto per calo di passione, 
salvo ritrovarmi come d'incanto nel Maggio 2022 con la divertentissima Vespa Primavera 125.  

Ho percorso in moto circa 150mila Km e 400mila in auto, sempre e solo per piacere (non per lavoro). 
Sicuramente ho speso più soldi per le auto che x le moto. 

Da un anno ho ricominciato a giocare con le 2 ruote constatando mio malgrado e con un certo stupore che i motociclisti attuali si sono mediamente addormentati;    forse colpa delle scuole guida obbligatorie che indottrinano le scarse e fragili nuove leve prive di fantasia motoristica,  e/o delle nuove imbarazzanti moto a basso costo senza alcuna personalità ??    quasi quasi mi diventano simpatici i bro fracassoni che passano da una festa della birra all'altra con l'aste e bilanceri  :nono:

Link to comment
Share on other sites

Eccomi qui, seconda puntata.  Il Lui arancione, naked che più naked non su può, arrivò da Livorno ed era di un amico alto e possente che è diventato campione di judo e non lo usava mai, d'altro canto non partiva neppure lui.  Le nostre conoscenze di meccanica erano scarse e quindi vai a spingere e quando partiva giravano come i matti finché non finiva la benzina.   Sempre nel salone comune c'era il ciao blu di una ragazza poi diventata moglie di un mio amico e ancora raramente ci vediamo.  Il ciao andava bene e lo usavamo in tre (non i tre dell'aspes).  Non so che fine ha fatto, ho cambiato casa. Poi acquisto nuovo vespa 50 special bianca diventata 90 polini in un batter d'occhio, tanta strada andava come un treno, mai un problema.  Ceduta al cognato, ceduta poi a un amico e ridipinta di blu. Dimenticata fin che un giorno i CC chiamano chiedendomi della moto in quanto ne hanno trovata una a Napoli con lo stesso numero di telaio.  Cerca e ricerca è stata ritrovata solo la scocca senza motore e ruote in uno scantinato dei palazzi dell'ultimo proprietario.  CC contenti della verifica. Non so che fine ha fatto.  Poi arriva il primavera 125 grigia, a parlarne mi viene da piangere.  16 anni e la vita davanti e con la fidanzatina che ora è la moglie abbiamo girato il mondo. 95000 km  mai un problema.   Venduta e ancora mi do del pirla.  Ora sono un pò triste i ricordi mi fanno un pò male, mi fermo qui cari amici. Ci risentiamo alla prossima puntata.  Zzzz buone vespate a tutti.  

  • Like 1
  • Sad 1
Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti.

La mia storia su 2 ruote è breve. Quasi ermetica!

Mai andato su 2 ruote per 30 anni. Poi di colpo: Honda hornet 600 (goduria); Honda transalp 650 (comoda) e adesso vespa 250.

In pratica ho fatto il percorso inverso di qualunque centauro!

Magari tra un po’ passo la cinquantino 😂

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

E dura ricordare tutto quello che ho posseduto in 62 anni (dai 14 in su) con due ruote e un motore ci proviamo, alcune foto le ho scaricate perché forse non ho nemmeno le foto, primo motorino (quello dello zio) un 3 marce "gabbiano" minarelli, poi vespa 50 special, Ciao Piaggio Benelli monomarcia, 16 anni prime moto, la scimmia era per il cross e allora prima moto Gori 125 anno bo..  motore sachs, poi aprilia125 motore Hiro, ktm 125 anno 87 le prime con forcella rovesciata, poi schiena distrutta si passa alle moto "stradali" due yamaha xt di anni diversi(erano quelle che si avvicinavano di più al cross" poi un suzuki dr big 750, kawasaki er5, kawasaki wersis 650, Vespa gts 250,poi mano mano che cambiavo le moderne avevo e ancora oggi ho alcune  storice (rigorosamente con crs FMI, PX125 E , Benelli 2502c E, Honda cbx 400, Cagiva 125 sst, .... forse ne dimentico qualcuna va be, oggi ho tenuto il PX, la Cagiva, e da poco venduto la versis  e preso la GTS 330, metto le foto come dicevo alcune scaricate dal web ma i colori sono quelli delle mie.

aprilia.jpg

ktm.jpg

Yamaha_XT600_43F_1984.jpg

yamaha_xt600.jpg

dr big.jpg

kawa er5.jpg

IMG_20230322_112013.jpg

benelli rossa.jpg

cagiva.jpg

honda cbx.jpg

matisse.jpg

Vespa_GTS_250_ie_red.jpg

vespa.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Piove e rieccomi qui, terza puntata.  Venduta primavera 125 (che fesso che sono) ho preso honda cb400n moto che assieme al 125 primavera ho veramente amato, mi piaceva tantissimo.  Fatta poca strada in quanto bisognava lavorare, lavorare e ancora lavorare.  Venduta anche lei (fesso due volte), poi come dicevo cagiva 125  kawasaki 600 enduro/cross, pareva di stare seduto su una bomba pronta a esplodere però andava bene, poi Suzuki Epicuro 150 che girava onestamente ed era anche grazioso ma in due poca potenza.  Poi cambio di Azienda e casualmente... lavoro, lavoro e ancora lavoro.  Venduto Epicuro che è andato in Grecia.   Poi basta moto ma solo ed esclusivamente lavoro massacrante ma ricco di grandissime soddisfazioni.   Poi vespa 250 gts giallo limone, lei volevo e lei ho trovato.  Mi ha fatto e mi fa tribulare con la frizione fra saltelli e muggiti ma per me è bellissima.   Poi p.IVA, consulenze, covid, insegnamento e poi pensione con BMW r850r che poi era il sogno motociclistico nel cassetto.  Honda cb400 n, vespa 125 primavera, vespa gts, bmw 850r sono moto di cui sono innamorato e al cuor non si comanda.  Vado a mangiar la pappa.  Buon appetito.

Sto facendo un pensierino per moto guzzi v7, vi piace?  Sarà piccola per un orso over 100 kg di ben 1, 82 m ?  Ditemi... plis.

 

Link to comment
Share on other sites

Ciao Gioventu',il Guzzi V7 di ultima generazione e' un bel prodotto,ma la sella a dire per 2 e' una bugia,il passeggero ci sta' stretto,se superii 1,80 cm anche le ginocchia escono fuori dell'ingombro serbatoio,per quelli sopra1,80 cm l'ideale e' il Guzzi  TT,pero' costa 12.000 euro.

Link to comment
Share on other sites

Moderator

Io ho preso, per una giornata, la v7 appena uscita, c'era Che Moto che permetteva la prova per una giornata, volendo si potevano fare anche i week and, ma all'epoca non avevo ancora molta esperienza con le moto, in quel periodo non ero peso forma, ma diciamo che ero intorno ai 100 kg, più o meno, alto sempre 1,88, mi ci sono trovato bene, unico difetto, che dicono risolto con le successive, la testata motore mi pare la destra, che urtavo come su la Guzzi t5 850, con il ginocchio, ogni tanto ci si scotta, cambio un amore e, anche qui nelle successive ancora migliore, i avrò fatto una sessantina di chilometri, quindi pochi per poter essere obbiettivo, ma mi era piaciuta tanto e, stavo per prenderne una usata a 6.000 euro, costava poco di più della vespa celestina che poi mi sono fatto, onestamente l'ho trovata ottima, ora che l'hanno cambiata e, migliorata nel motore portato a 850, cambio e affinamenti vari, penso sia una bomba, però costa poco meno di 9.000 euro, che se uno paragona alla vespa, onestamente non ci penserei due volte, averci i soldi, ma quella è un'altra storia

Link to comment
Share on other sites

Anch'io, anch'io; ci sono anch'io. Allora, la sequenza era questa:

1975 peugeot 104 50cc

1980 vespa PX 125

1984 BMW r45

Ora la storia recente:

2016 vespa 50 del 1964

2017 vespa PK 50 del 1982

2021 vespa ET4 150 del 2001

No una gran storia, però nel mio piccolo........

Il Muto

Edited by Muto2
  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

Faccio solo elenco, perché le ho amate tutte, in modo diverso, ma comunque tutte ancora nel cuore. 

1980 Garelli NOI 50 (sulla carta) recuperato nel box di un amico, fermo da anni, rimesso in funzione con un paio di ore lavoro, tenuto per una decina di anni, mai dato problemi. 

1984 Vespa 50 Special, elaborata negli anni e portata al seguito nei miei trasferimenti per lavoro e cambi di città, rimasta con me fino al 2008. 

1987 Honda 400 Four del 76, un piccolo cavallo imbizzarrito, tirata fuori da un capanno dove arrugginiva, rimessa in sesto per rivenderla e magari guadagnarci qualcosina, in realtà tenuta fino al 2001.

1988 Lambretta Special 150 Silver del 1965, veloce, stabile, ma spesso con problemi elettrici, comunque risolvibili, riveduta ad un collezionista nel 2001 ad un prezzo esagerato, lo stesso pomeriggio ero in concessionaria Piaggio per comprare la mia prima Vespa nuova, che ancora mi accompagna PX 151 My, 185.000 km di passione, ci ho girato mezza Europa da solo e in gruppo, la uso anche in autostrada e non sfigura affatto. 

2008 Vespa VBB 150 del 1960, regalo di mia moglie, ruote da 8 e cuore inarrestabile. Ancora con me,  bisogna saperla guidare, ma regala emozione pura e fa capire cosa voleva dire andare in Vespa negli anni '60.

2016 GTS 300 Super Sport, vista, piaciuta e comprata per spostamenti ti di lavoro a volte anche di 200 km in una giornata, diversa dalle storiche, ma anche lei con la filosofia portante Vespa. 

Tra ricambi e tutto il necessario ho dovuto affittare un altro piccolo box oltre il mio. 😉

Link to comment
Share on other sites

Dai, dai, fatevi avanti con le vostre belle moto.  Che bello, che bello.  Sabato vado dal conce Guzzi a vedre la 85 tt con cavalletto centrale, antifurto, bauletti laterali colore bianco e rosso.  Chissà che ci scappa la pazzia.  Interessi zero 36 rate più bonus di 700 euri su acquisto accessori.   Speriamo che la scimmia 🐵 mi convinca.  Dai scimmia insisti!!!  

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

×
×
  • Create New...