Jump to content
MV News
  • Nuova grafica
  • Con l'ultimo aggiornamento abbiamo installato un tema che permette agli utenti di selezionare la palette di colori preferita. Basta cliccare sul pennello nella barra utente in alto e si potrà in piena autonomia cambiare il colore dell'header e delle barre del forum.


  • Member Statistics

    • Total Members
      2,603
    • Most Online
      609

    Newest Member
    EverettFug
    Joined
    •   
    Chatbox
    Load More
    You don't have permission to chat.
  • Who's Online (See full list)

  • Forum Statistics

    • Total Topics
      3.8k
    • Total Posts
      43.5k
  • Latest Registered Members

Vjatka VP 150 , quando i Russi clonarono la Vespa


Edo57
 Share

Recommended Posts

Mi pare che sul Forum non se ne sia mai parlato;  

correvano gli anni 1955/56,  alla VPMZ (Fabbrica Meccanica di Vjatskie Poljany) nella provincia di Kirov,  venne assegnato il compito di costruire uno scooter e, guarda caso, scelsero di copiare la Vespa 150 VL1 del '54 e la GS del '55.    

2 aneddoti divertenti tratti da  https://it.wikipedia.org/wiki/VPMZ_Vjatka_VP_150  che invito a leggere per intero: 

L'unica decisione semplice per i dirigenti, fu scegliere il responsabile dei futuri collaudi su strada: tra i 10.000 dipendenti della VPZM, uno solo aveva conseguito la patente di guida per motocicli. :D

Vista l'impossibilità di agire per via legale, determinata dal mancato riconoscimento della normativa sui brevetti da parte dell'URSS, la Piaggio decise di denunciare il plagio procurandosi un esemplare della "Vjatka" ed esponendolo nei propri stand dei vari saloni motociclistici internazionali, definendola "copia servile" della "Vespa". La ferma e continuata protesta, comunque, non sortì alcun effetto pratico.  :icon_mrgreen:

QUI  una carrellata di immagini da Google 

ed ecco una delle belle immagini di Vjatka tratte da Aste Bolaffi  https://www.astebolaffi.it/it/lot/111/180/detail  che, va detto, pubblica un bel catalogo ben nutrito di moto d'epoca, e non solo... 

 

 

Vjatka.jpg

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Moderator

Si su molti forum di vespa classica se ne è parlato, diciamo che la vjatka non si limitava solo ad essere una copia, ma era proprio un clone non ufficiale della vespa, stesso motore, componenti intercambiabili etc.. Se la Lml era un progetto Piaggio, che venne ceduto e proseguì in India e, poi nel resto del mondo fino al 2017, data che portò la chiusura della lml, la vjatka era una vera e propria copia non autorizzata. In italia qualcuna è arrivata, per vie parallele e, la sua fortuna vuole che essendo un vero clone è facile anche restaurarla usando componentistica Piaggio

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Crescenzo dice:

Non ne avevo idea

ah, nemmeno io... felice di essere stato "utile" a qualcuno, me compreso; 

figurati che sono arrivato alla Vjatka partendo dalla home page di Motociclismo, dove appariva la pubblicità di Aste Bolaffi con una SWM d'annata, al ché visitai il sito e cercai "Vespa" ottenendo molti risultati;   tra le vere Vespa e le monete di Vespasiano, apparve appunto questa ormai antica copia russa del nostro scooter  ;)

Link to comment
Share on other sites

Totalmente ignaro dell'esistenza della Vespa targata U.R.S.S., non posso che ringraziarti per l'interessante informazione.
Come di prammatica, le realizzazioni russe lasciano sempre un po' a desiderare qualitativamente, ma il semplice fatto che anche oltrecortina il fascino dello scooter italiano abbia ispirato la (modesta) fantasia dei sovietici, è un chiaro segnale di quanto l'iconico imenottero di Pontedera sia entrato di diritto nell'immaginario collettivo planetario.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Moderator

 

24 minuti fa, Andrea59 dice:

Totalmente ignaro dell'esistenza della Vespa targata U.R.S.S., non posso che ringraziarti per l'interessante informazione.
Come di prammatica, le realizzazioni russe lasciano sempre un po' a desiderare qualitativamente, ma il semplice fatto che anche oltrecortina il fascino dello scooter italiano abbia ispirato la (modesta) fantasia dei sovietici, è un chiaro segnale di quanto l'iconico imenottero di Pontedera sia entrato di diritto nell'immaginario collettivo planetario.

In realtà se chiedi ad un russo chi ha copiato cosa, avrai come risposta che Piaggio sia la copia e non il contrario, dicono lo stesso per la lada 2100, anche se poi ci sono i dati scritti e quindi la 124 non solo ha motorizzato la Russia, ma ha anche dato il nome a Togliattigrad che prende il nome da Togliatti

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • 10 months later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

×
×
  • Create New...